Agenzia Funebre e Casa Funeraria a Senorbì

Cosa aspettarsi dopo il funerale

La vita continua, e ti ritroverai, in un modo o nell’altro, a seconda del giorno o dell’ora del giorno; a sentirti fuori posto con quello che succede intorno a te. Ti troverai di fronte a forti emozioni, a una stanchezza intermittente, dovrai ancora affrontare la vita quotidiana e dovrai anche occuparti di molti dettagli relativi alla vita e al patrimonio della persona amata. La nostra guida ai primi giorni dopo la morte di una persona a voi cara può aiutarvi.

Praticare una buona cura di sé
Subito dopo il funerale o la funzione commemorativa, dovreste concedervi un tempo adeguato per riposare. Anche se il sonno può risultare sfuggente, potete sempre sdraiarvi e chiudere gli occhi per un po’ di tempo.

Ricordatevi di mangiare e di bere abbastanza liquidi. Fate del vostro meglio per calmare la vostra mente. E quando siete costretti a portare a termine un compito importante legato alla morte della persona amata, non esitate mai a chiedere aiuto a un amico o a un familiare.

Se avete bisogno di un maggiore supporto per il dolore, vi offriamo qui informazioni preziose sulla natura e lo scopo del lutto, sulle varie esperienze di lutto e sui modi in cui potete aiutare voi stessi a guarire dopo la perdita.

Offriamo anche un supporto in un programma di assistenza continuativo per aiutare voi e la vostra famiglia a compilare i documenti pertinenti e a garantire che i vostri affari siano curati. Chiamateci per sapere in quali modi possiamo aiutarvi dopo il funerale.
Come comportarsi con gli aspetti pratici
Ci sono alcune questioni pratiche di cui dovrete occuparvi dopo la morte di una persona cara. Una breve panoramica di queste potrebbe includere:

Trovare il testamento
È necessario avere l’originale; il tribunale non ne accetta una copia. Poi dovrete registrare il testamento presso l’ufficio del testamento locale.

Individuazione delle attività e determinazione delle passività
Ovvero, individuare tutte le informazioni essenziali sulle attività e passività della persona amata: polizze assicurative, conti bancari, conti pensione, investimenti e prestiti. Avrete bisogno di tutte queste informazioni per gestire le transazioni imminenti e per informare i fornitori finanziari.

Contattare il datore di lavoro
In questo modo vi aiuterete a gestire le distribuzioni dei piani pensionistici, i versamenti delle assicurazioni acquistate dal datore di lavoro e vi assicurerete che l’eventuale pagamento delle ferie dovute vada ai beneficiari.

Tenere d’occhio la cassetta della posta
Ci sono buone probabilità che alla fine arrivi qualcosa di buono su un conto o un prestito che il defunto aveva, e ci possono essere beni che non sono nemmeno noti alla famiglia. Prendetevi il tempo di cancellare gli abbonamenti a riviste, cataloghi e qualsiasi altra cosa che arriva per posta regolarmente.

Pagare le bollette
Non lasciatevi sfuggire nulla e scivolate nelle collezioni. Assicuratevi di aver provveduto ad incassare i debiti in sospeso: la bolletta mensile, il mutuo, le bollette delle carte di credito o i prestiti per l’acquisto di un’auto.

Consultare un avvocato
Quando le cose sono davvero complesse, o se non vi sentite a vostro agio nel gestire un’eredità, potreste volere un avvocato immobiliare. Come minimo, rivolgetevi a uno di questi dopo aver completato ciò che potete. Vi raccomandiamo di dire loro cosa avete fatto e di chiedere loro se vi siete persi qualcosa lungo la strada. È probabile che riescano a risolvere qualsiasi questione in un’ora o due – e la tranquillità che riceverete in cambio della loro parcella vale il prezzo.