Agenzia Funebre e Casa Funeraria a Senorbì

La fine della vita: cosa fare quando qualcuno sta morendo

È utile pianificare in anticipo. Sapere quali sono i desideri della persona amata in modo che siano rispettati. Organizzare il funerale in anticipo riduce il numero di decisioni che dovranno essere prese proprio al momento della morte.

Fornisce anche l’opportunità di parlare delle disposizioni, delle preoccupazioni e dei sentimenti.

Per Loro:

Sedersi con il morente, tenergli la mano. Rassicurate la persona con un promemoria che siete presenti. Non parlate della persona amata come se non ci fosse.

L’udito rimane fino al momento della morte.

Identificatevi per nome. Parlate a bassa voce, in modo chiaro e veritiero quando avete bisogno di comunicare.

Parlategli mentre vi occupate di lui/lei e spiegategli cosa state facendo.

Sedersi tranquillamente al capezzale, suonare musica rilassante o leggere qualcosa di confortante può avere un effetto calmante.

Per voi stessi:

La normale routine familiare può essere interrotta e potreste sentire di aver perso la capacità di concentrarvi su qualsiasi cosa, potreste desiderare che le cose finiscano a causa dell’incertezza, dell’impotenza, dell’esaurimento emotivo e fisico che potreste sperimentare.
Sentimenti come senso di colpa, rabbia, frustrazione o tristezza sono comuni tra le persone che sostengono una persona durante una malattia terminale:

Le lacrime sono l’espressione naturale dei propri sentimenti. Alcuni possono interiorizzare i propri sentimenti e non essere in grado di piangere. Entrambe le reazioni sono normali.

Le buone maniere sono appropriate. Sia la famiglia che la persona che muore possono trovare conforto in questo processo di “lasciarsi andare”.

Durante questo periodo un membro del clero, un cappellano o un consigliere spirituale può fornire sostegno e conforto sia alla famiglia che alla persona che sta morendo. Alcune religioni hanno riti o sacramenti che possono essere desiderati dal cliente o dalla famiglia in questo momento.